Rifugio Chabod – Valsavarenche (AO)

7 luglio 2010 at 15:15

giancarlo

0

 

rifugio chabod

 

Quota 2710
Dislivello 885
Difficoltà E
Segnavia 5, 10A
Tempo 2h30′

 

Questo bel rifugio è situato nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso e l’itinerario per il suo raggiungimento attraversa all’inizio un bellissimo bosco di conifere per poi sbucare nella parte più aperta  dove lo scenario diventa spettacolare per gli ambienti di media montagna e per la vista dell’imponente parete nord del Gran Paradiso. Dal rifugio è spettacolare la vista della catena che comprende la Becca di Montandaynè, l’Herbetet ed il Gran Paradiso mentre è pure ampio e spettacolare sulla parte opposta della Valsavarenche. Trovandosi nella zona del Parco è facile anche incontrare esemplari di fauna alpina.

Avvicinamento

Si percorre la A-5 Torino-Aosta, si supera la barriera di Aosta est e si esce al casello successivo di Aosta ovest. Si prende la direzione per Courmayeur e, superato il comune di Aymavilles, si trova sulla destra la deviazione per la Valsavarenche, si passa da Introd e si risale la valle rimanendo a sinistra al bivio per la valle di Rêmes. Giunti al capoluogo Degioz si prosegue ancora qualche chilometro e dopo la deviazione per il campeggio si giunge ad un piazzale situato a sinistra della strada (1830 m circa) dove si può lasciare l’auto.

Descrizione

Dal parcheggio ci si dirige verso le paline che si trovano vicino al largo ponte che attraversa il torrente superandolo e passando subito tra le baite di Praviou; dopo l’ultima baita si inizia a salire con comodi tornanti nel bel bosco sul sentiero molto ben tenuto sino a compiere due lunghi traversi, uno verso sinistra ed uno verso destra, dopo i quali si esce in zone più aperte e si arriva alle baite di Lavassey (2194 m). Dietro di esse si trova un bivio segnalato da bolli gialli su di un sasso ed una palina lignea con l’indicazione a destra per il rifugio; presa questa direzione si risale con ampi tornanti il vallone passando a destra della bastionata rocciosa della Côte Savatère avvicinandosi ad essa più in alto e cominciando a vedere lo splendido scenario delle pareti del Gran Paradiso e delle cime circostanti. In seguito ci si  dirige verso il centro del vallone costeggiando il torrente ed arrivando ad un bivio nei pressi di un ponticello di legno dove, non oltrepassandolo, si tiene la sinistra allontanandosi dal corso d’acqua ed alzando lo sguardo a sinistra si può già vedere uno scorcio del rifugio. Si passa accanto ad una presa per l’acqua e, compiuti un paio di ampi tornanti, si arriva quasi subito all’ampio dosso dove è situato il rifugio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *