Colle di Entrelor – Rhêmes Notre Dame – (AO)

26 agosto 2016 at 09:58

giancarlo

0

 

 

 

Quota 3003
Dislivello 1273
Difficoltà EE
Segnavia AV 2
Tempo 3h00′

 

 

Traccia GPS

Visualizza con Google Earth

Altimetria e dettagli

 

Il Colle di Entrelor, alla testata degli omonimi valloni, mette in comunicazione le valli di Rhêmes Notre Dame e di Valsavarenche ed i rispettivi capoluoghi. La salita si svolge sul ben segnato tracciato dell’Alta Via 2; non esistono difficoltà tranne che nell’ultima parte dove il sentiero è ripido e su terriccio friabile e dove è stata sistemata una corda ed alcuni gradini metallici per agevolare un breve tratto in caso di neve o ghiaccio. Molto bello il panorama versola Valsavarenchesul gruppo del Gran Paradiso e Grivola e sui sottostanti laghi Djouan mentre, dal versante di salita, è altrettanto suggestivo sulle selvagge cime adiacenti con l’imponente Grande Rousse che domina l’abitato di Rhêmes.

Avvicinamento

Si percorrela A-5Torino-Aostauscendo al casello di Aosta ovest prendendo la direzione per Courmayeur; dopo il comune di Villeneuve si devia a destra seguendo le indicazioni per la valle di Rhêmes che si risale sino al capoluogo di Rhêmes Notre Dame dova si lascia l’auto nei parcheggi all’ingresso o appena fuori dal villaggio. Da questi si entra nel centro seguendo le indicazioni per Entrelor che conducono alla frazione Breuil dove si trova la casa dei guardaparco.

Descrizione

Alla destra della casa dei guardaparco si trovano le paline che indicano di salire sul sentiero sopra il muretto di contenimento; si raggiunge subito una sterrata dove si svolta a sinistra sino alla prima curva dove la si abbandona per proseguire diritto. Si compie un semicerchio verso destra sul prato soprastante arrivando alle baite di Pra del Bosco (1788 m) dopo le quali si sale più decisamente sino ad un bivio segnalato dalle paline (1857 m); tralasciato il sentiero alla sinistra, si cammina quasi in piano costeggiando un ruscello sino al bivio per la cascata di Entrelor (1867 m) dove si prosegue a sinistra. In pochi minuti si passa una successiva diramazione del sentiero (1922 m) rimanendo alla destra e, poco sopra, un’altra con un sentiero proveniente da destra (1936 m) alla quale si continua diritto; compiuti alcuni stretti tornanti si esce dal bosco nei pressi di una croce lignea (2093) nei pressi della quale si piega a sinistra andando a costeggiare una frana che si aggira giungendo al bivio per il rifugio delle Marmotte (2105 m). Continuando diritto si ignorano altre due deviazioni per il rifugio inoltrandosi nel vallone avvicinandosi ad un torrente deviando poi alla sinistra per raggiungere le vecchie baite di Plan di Feye  dove si trova un bivio del sentiero (2386 m); svoltando a destra si compie un traverso in leggera pendenza ignorando poi una traccia erbosa che prosegue a destra (2414 m). Dopo questa ci si sposta a sinistra risalendo un valloncello erboso sbucando nei pressi di un pianoro dal quale si sale con comodi tornanti su una dorsale erbosa di fianco ad una pietraia; qui il sentiero aumenta di pendenza avvicinandosi ad un promontorio roccioso dove, ancor più ripido, sale sul canale alla sua sinistra. Arrivati ad una placca con una corda ed alcuni gradini metallici (2930 m) si può scegliere, a seconda delle condizioni del terreno, se salire a sinistra per tracce tra rocce rotte o usufruire del tratto attrezzato; saliti sopra questo si giunge ad una spalletta dalla quale non rimane che risalire gli ultimi tornanti che portano all’ometto del colle di Entrelor.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *