Tête de Fenêtre – St. Rhémy (AO)

15 luglio 2010 at 16:23

giancarlo

0

 

 

 

Quota 2826
Dislivello 491
Difficoltà E
Segnavia 13A
Tempo 1h30’

 

Facile e dal dislivello contenuto questa salita raggiunge una panoramica cima che si trova sulla parte inferiore della lunga cresta che parte dal Mont Fourchon ed arriva alla Fenêtre de Ferret; la cresta e quindi anche la Tête de Fenêtre si trova sulla linea di confine con la Svizzera separando il vallone del Gran San Bernardo con la Val Ferret elvetica. Il panorama spazia sulla vette circostanti e sulla catena montuosa e sui ghiacciai che dal Monte Bianco arrivano al Grand Lui, senza trascurare la bella visuale sui sottostanti e vicini Laghi Fenêtre; per questo motivo e per completare ancor più questa escursione si consiglia, una volta ritornati alla Fenêtre de Ferret, di scendere alla sinistra per raggiungere i pittoreschi laghi allungando di poco il percorso ed aggiungendo veramente poco dislivello alla gita.

Avvicinamento

Si percorre la A-5 Torino-Aosta uscendo alla barriera di Aosta est e seguendo le indicazioni per il Traforo del Gran San Bernardo; giunti a Saint Rhémy si prende la strada che sale al Colle del Gran San Bernardo. Dopo alcuni chilometri si raggiungono le baite di Baou (2375 m) situate in prossimità di una curva prima del paravalanghe dove si può lasciare l’auto negli slarghi sulla strada.

Descrizione

Dallo slargo antistante le baite di Baou, e più precisamente dal palo della stazione meteorologica con sopra un piccolo pannello solare, si prende il sentiero che sale direttamente in direzione di una vicina e grossa roccia triangolare dove, raggiunta la sua base, si traversa a sinistra passando un ruscello per raggiungere un piccolo promontorio erboso. Qui, incrociato un altro sentiero proveniente dalle baite, , si devia a destra arrivando ad una zona pietrosa dove la progressione può essere un po’ rallentata dal fondo sconnesso; superato questo breve tratto si piega leggermente a sin arrivando ad un bivio segnalato da bolli gialli su un sasso (2512 m) dove si prende la diramazione di destra. Il sentiero entra ora in un piccolo pianoro erboso dove si superano alcuni piccoli dossi alla destra del torrente (sinistra idrografica); allontanandosi poi progressivamente dal corso d’acqua verso destra si inizia a risalire, con la pendenza che aumenta un po’, il breve pendio che culmina con la Fenêtre de Ferret (2699 m). Qui si prende una traccia che sale alla sinistra rimontando un vicino dosso dove si continua con qualche saliscendi per poi risalirne un secondo; dopo di questo si scende di qualche metro e si  percorre una breve crestina da dove si risale per superare qualche lieve ondulazione erbosa. Il sentiero ora spiana leggermente portandosi sotto il pendio finale di rocce rotte; qui si trova un bivio (2804 m) con una debole tracia che si stacca sulla destra e che si deve ignorare per prendere quella di sinistra dove si trova un ometto di pietre. Ora la pendenza aumenta sensibilmente e, compiendo qualche stretto tornante su terreno sassoso con fine detrito, in pochi minuti si raggiunge la panoramica vetta.

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *