Tsaplana – Cogne (AO)

17 luglio 2010 at 13:54

giancarlo

0

 

cogne-e-la-valnontey

Quota 2683
Dislivello 861
Difficoltà E
Segnavia 3B
Tempo 2h00′

 

Traccia GPS

Visualizza con Google Earth

Altimetria e dettagli

 

Breve e classica escursione molto frequentata su un sentiero molto ben tenuto e segnato. La madonnina della vetta è situata sul ramo meridionale del costone che scende dalla Punta di Arpisson da cui si gode un eccezionale panorama sulle valli e sulle altre cime che fanno da corona a Cogne: Grivola, Gran Paradiso, Herban, Pousset, Creya, ecc.

Avvicinamento

Si percorre la A-5 Torino-Aosta sino alla barriera di Aosta est, la si supera e si esce al casello successivo di Aosta ovest; si prende la direzione per Cogne e si risale tutta la vallata arrivando al capoluogo. Alla rotonda che si trova all’inizio dell’abitato si svolta a sinistra e alla successive ancora a sinistra seguendo le indicazioni per Gimillan; non si entra nella frazione ma si passa alla destra e si arriva alla sua parte superiore dove si trova un piccolo parcheggio situato nei pressi di un’area giochi con un pannello dei sentieri del territorio.

Descrizione

Dal parcheggio si imbocca la strada asfaltata a sinistra delle evidenti paline arrivando poco sopra ad una cappelletta votiva che si passa sulla sinistra continuando sul bordo del torrente; si lascia sulla destra un bivio di un sentiero, che attraversa il letto del torrente, segnalato da un bollo giallo e si arriva subito ad una pianoro, Pian di Teppe, dove si trovano alcune belle baite. Attraversata la sterrata e subito alla destra della prima baita che si incontra l’inizio il sentiero che risale il bosco tagliandolo da destra verso sinistra: attenzione che non vi sono paline o bolli gialli all’inizio del sentiero che si diparte dalla sterrata. Camminando nel bel bosco di conifere senza eccessiva pendenza si arriva ben presto ad un bivio segnalato dalle paline (2016 m) al quale si svolta a destra e si continua in senso opposto arrivando nei pressi di un lungo canalone che si attraversa contornandolo. Senza guadagnare troppa quota si arriva ad un secondo bivio (2145 m) e, imboccata la traccia di sinistra, si sale, con la pendenza che ora aumenta un po’, compiendo numerosi tornanti sino ad uscire fuori dal bosco da dove si può già vedere la cima meta dell’escursione. Il tracciato si sposta sulla destra passando sotto le pendici della montagna, supera alcune spalle erbose e, oltrepassato un rudere, giunge ad una panoramica piccola croce lignea adiacente ad un altro rudere (2508 m); ora si rimonta con un tratto un po’ ripido la fiancata erbosa e si arriva in vista di alcune barriere frangivento che si aggirano sulla sinistra. Ancora pochi metri e si arriva alla madonnina posta sulla panoramica cima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *