Bivacco Gontier Mario – Aymavilles (AO)

15 marzo 2014 at 16:01

giancarlo

0

Quota 2321
Dislivello 1166
Difficoltà E
Tempo 3h15′

 

Traccia GPS

Visualizza con Google Earth

Altimetria e dettagli

 

 

La salita al bivacco Corrado Gontier è una gran bella escursione che si svolge nel Parco Nazionale del Gran Paradiso al cospetto della Grivola e della seraccata dell’omonimo ghiacciaio; si inizia nella parte bassa dove si attraversano ripidi boschi solitari, habitat perfetto per gli animali del parco, per finire poi negli spazi aperti della parte alta dove, a mano a mano che si guadagna quota, ci si avvicina al selvaggio versante settentrionale della bella piramide e del vicino Grand Nomenon. L’itinerario è subito diretto con una pendenza quasi costante che permette di guadagnare rapidamente quota con i tornanti che ci fanno spostare sui versanti più accessibili del grande vallone del Nomenon. Si attraversano poi alcuni canali e pendii dove bisogna prestare attenzione alle slavine; la progressione risulta più sicura dall’uscita dal bosco in poi dove le pendenze diminuiscono e si cammina in ampi spazi che non presentano pareti ripide ai lati. Il panorama dal bivacco è ampio verso nord comprendendo le vette della catena alpina dal Dente del Gigante e Grandes Jrasses sino al Velan e Grand Combin; a sud invece ci si trova a tu per tu con la vicina ed imponente Grivola e, alla sua destra, il Grand Nomenon. In assenza di traccia e con forte innevamento è indispensabile una buona conoscenza del territorio o, in alternativa, munirsi di un apparecchio gps per seguire la tortuosa traccia.

Avvicinamento

Si percorre la A-5 Torino-Aosta e, superata la barriera di Aosta est, si esce al casello successivo di Aosta ovest; prendendo la direzione per Cogne si risale la valle sino al villaggio di Vieyes dove si può lasciare l’auto nello slargo sulla destra appena dopo la partenza del sentiero.

Descrizione

Dalla strada asfaltata si prende il sentiero indicato dalle paline che si alza indirizzandosi verso il bosco; raggiuntolo in pochi minuti si compiono alcuni tornanti effettuando un tratto di salita diretto, dopo il quale ci si sposta traversando alla sinistra pervenendo temporaneamente fuori dalla vegetazione. Qui si trova la baita di Plan Pessey (1390 m) dalla quale, passandola sulla destra, si continua alzandosi leggermente sulla sinistra idrografica del vallone di Nomenon sino ad incrociare la diramazione di un sentiero che si stacca sulla destra (1438 m). Ignoratolo si prosegue per pochi minuti sempre sul medesimo versante passando al di sopra di una baita (1448 m) dopo la quale ci alza con un breve tratto ripido; compiuti pochi tornanti ci si sposta leggermente sulla sinistra attraversando un breve pendio esposto alla caduta di valanghe oltre il quale si continua lo spostamento a sinistra giungendo nei pressi di un grande canalone. Lo si attraversa nel punto più accessibile riprendendo la salita che ora diviene nuovamente ripida sulla fiancata boschiva; si guadagna quota con molti tornanti passando da una zona di grossi massi. Più sopra poi, tenendo sempre la sinistra si arriva ad un successivo canale, più piccolo del precedente, che si attraversa per superare il torrente Grand Nomenon; proseguendo in leggera traversata si passa poco sopra le baite di Petit Nomenon (1999 m) oltre le quali il bosco si dirada progressivamente. Sempre con percorso diretto si giunge ad una soprastante baita (2094 m) che si lascia alla destra puntando ai soprastanti dossi; dopo qualche decina di metri più ripidi ci si avvicina ad essi per superarli passando tra di essi nei punti di minor pendenza. Arrivati in vista di una croce lignea sopra un dosso alla destra ci si alza ancora per qualche minuto per traversare appunto a destra su dolci ondulazioni arrivando in vista del bivacco situato nelle vicinanze delle baita di Grand Nomenon dove si trova anche l’omonimo casotto del Parco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *